Glam Food
Leave a Comment

DragonFruit, ma quanto sei bello?

Sul mio profilo Instagram è comparso qualche pubblicazione fa in veste di “buongiorno” e tante di voi sono state catturate dalla sua naturale bellezza.
Una buccia dal colore intenso, una polpa dalle fattezze molto minimal e una forma insolita che suscita la curiosità di chi lo osserva e a cui viene appunto in mente il manto frastagliato di un dragone…
Io non sono diversa da voi e quando lo vidi tempo fa su Google me ne innamorai, partendo così alla ricerca di questo frutto (il cui nome vero è pitaya) dalle infinite proprietà benefiche.

Tanto per dire…

  • combatte il cancro
  • è una miniera di vitamina C, B1, B2 e B3
  • è antiossidante
  • è ricco di minerali
  • combatte lo stress e il nervosismo
  • combatte ritenzione idrica e cellulite
  • FA DIMAGRIRE! (Nessun miracolo, semplicemente ha pochissime calorie e ha molte proprietà che incidono direttamente sulla possibilità di bruciare quelle in eccesso che risiedono all’interno del nostro corpo).

E allora, insomma, fatte tutte queste premesse, mi è sembrato d’obbligo dedicargli qualche scatto e due righe scritte, visto che tutti lo desiderano e pochi lo trovano.
Io, banalmente, l’ho acquistato nel supermercato all’interno di un centro commerciale molto grande e fornito che si trova nell’hinterland milanese. Ormai la frutta esotica è sempre più presente! Il suo sapore è delicato, erbaceo, e ho scoperto che c’è addirittura chi lo cuoce al vapore o chi lo condisce con lime e zucchero…
E’ perfetto in qualsiasi momento della giornata e per qualsiasi occasione, buono anche da frullare con altri frutti e magari con l’aggiunta di una foglia di menta.

Io invece ero troppo impaziente di assaggiarlo, così l’ho mangiato al naturale!
Posso dire la mia? Caro dragon fruit, sei più bello che buono.

DSC_0644DSC_0661DSC_0670DSC_0669DSC_0655

Testo e fotografia a cura di Micol Uberti

Thanks-iloveimg-cropped

Leave a Reply