Out of Office : l’inaspettata poesia di Torino

rhdr

Se devo essere sincera, probabilmente non avrei mai pensato di dirlo: Torino sa essere speciale. L’ho sempre percepita come una città che per certi versi voleva un po’ imitare Milano e invece mi sono dovuta ricredere: ha una personalità tutta sua!

Le piazze del centro, i ponti sul Po, gli ampi portici che la distinguono, la Mole che sembra curiosamente un palazzo sprofondato nel terreno e di cui emerge solo la punta…
Ho trovato molti più spunti di bellezza di quanti me ne sarei aspettata. Ma del resto viaggiare è bello per questo: sai quello che lasci, ma non sai quello che trovi!

dav

Benvenuti a Torino

Certo non è una città che passa inosservata anche solo per sentito dire: è tra le più popolate d’Italia ed è conosciuta in tutto il mondo per essere la culla di un marchio di cui in questi giorni di parla moltissimo, FIAT.
Ci sarebbero altri mille motivi che potrei elencarvi, ma io sono qui perché voglio parlarvi di emozioni e non per sembrare una brutta copia di Wikipedia! E poi, la storia, viene fuori con prepotenza già dai suoi muri, dalle strade, dall’aria che si respira in centro!
Ci sono tanti scorci che mi hanno fatta fermare ed innamorare, a dispetto del tempo che stringeva, del temporale che minacciava di arrivare, della voglia di continuare a pedalare (eh sì, Torino me la sono girata in bicicletta!) per scoprire ancora qualcosa in più… Ci sono attimi che non ho voluto fotografare apposta, affidando loro il compito di farmi mentalmente da “puntina” per fermare un promemoria con scritto a lettere cubitali: TORNARE PRESTO QUI!

rhdr

cof

cof

oznor

cof

oznor

Non perdetevi assolutamente…

Il Museo Nazionale del Cinema! Si trova all’interno della famosissima Mole Antonelliana, perciò già solo per questo non potete non visitarlo. Inoltre è un museo strutturato in maniera molto intelligente e adatto a tutti: i più appassionati potranno trovare innumerevoli informazioni che riguardano anche gli aspetti più tecnici della nascita e conseguente sviluppo di quest’arte. Per chi invece preferisce dedicare alle nozioni meno attengione e immergersi nella parte ludica e interattiva delle stanze dedicate ai set, è possibile comunque farsi un’idea generale della storia del cinema grazie agli highlights segnalati da una targhetta rossa qua e là vicino alle teche!
Io ci ero già stata un paio di volte, perciò mi sono concessa il lusso di saltare la parte della lettura e di correre a vedere la zona che vede esposti costumi, copioni, modellini… che meraviglia! Il cinema è davvero un mondo magico!

torinocity - museocinema5 UBERTI

torinocity - museocinema3 UBERTI

torinocity - museocinema UBERTI.jpeg

mde

torinocity - museocinema2 UBERTI.jpeg

Provate questo albergo!

Più che altro è un palazzzo che ospita più di 6 piani di splendidi appartamenti, arredati con gusto moderno e minimal ma in cui la parola d’ordine è accoglienza.
Benvenuti alle Duparc Contemporary Suites!
Si chiama così proprio perché situato di fianco al Parco del Valentino, tanto da poterlo raggiungere in 5 minuti a piedi. Nessun comfort manca qui, neppure la Spa in cui mi sono fatta coccolare con un massaggio rilassante che mi ha letteralmente fatta rinascere!
Il personale gentilissimo ha messo a disposizione anche le biciclette con le quali ho girato la città: scelta azzeccatissima perché mi ha permesso di raggiungere tutti i luoghi che volevo visitare e mi ha consentito di fermarmi a fare fotografie tutte le volte che qualcosa mi ispirava, senza il problema di dover cercare parcheggio o anche solo dover togliere il casco. La prima, giunta stanca da una giornata di lavoro a Milano e dal viaggio nel traffico subito dopo, ho cenato nel ristorante Duparc all’interno dell’albergo: delizie di ispirazione territoriale e non, sono state la degna conclusione di quella giornata piena di splendide emozioni! Duparc Contemporary Suites è senza dubbio il luogo ideale per alloggiare quando si è a Torino, sia per la comodità dell’essere vicini al centro sia per la pace che però regna in quel punto. Che la ragione del soggiorno sia una visita turistica o una trasferta di lavoro, questo albergo sa rispondere impeccabilmente e prontamente alle esigenze di entrambi!

rhdr

cof

cof

mde

duparctorino - spa4 UBERTI

cof

mde

cof

duparctorino - camera4

cof

rpt

mde

cof

oznor

Andate a mangiare qui!

Io sono golosa e non me ne vergogno. Anzi, se mi si togliesse questo vizio non sarei più io! Così mi piace scoprire posticini dove andare a mangiare, magari con il valore aggiunto di godersi contemporaneamente le bellezze architettoniche della città in cui mi trovo!

Se quello che cercate è un posto speciale dove sognare e mangiare buon cibo, senza dubbio da Bomaki lo troverete: situato sul lungo Po, a pochi centimetri dall’acqua del fiume che scorre pigramente passando sotto i ponti che si vedono in lontananza, qui si respira aria di Brasile e si mangia con le bacchette del Giappone. Colori, sapori ed atmosfera sono una combinazione perfetta che vi farà finalmente pensare che una cena può durare tranquillamente più di due ore. E sapete perché? Perché vi sentite a vostro agio. Ve lo posso assicurare, la gentilezza del personale e i loro consigli vi faranno ritrovare in una condizione di totale relax che non avreste pensato.
E se non siete degli amanti del sushi non fatevi scoraggiare! Io ho provato anche le tortilla con picanha tagliata a strisce e vi posso dire che è altrettanto squisita.
Cosa vi consiglio di mangiare: gli uramaki di Cobia, un pesce ancora poco diffuso e dal sapore delicato.
Cosa vi consiglio di bere: il loro gin tonic con tonica ai fiori di ibisco. Buono e profumatissimo!
Dove vi consiglio di parcheggiare: loro si trovano in una zona pedonale non accessibile in macchina perciò vi conviene cercare posteggio in via Maria Vittoria, appena sopra!

bomakitorino - location UBERTI

mde

rhdr

mde

mde

Adoro i posti in cui ti senti in famiglia. Che poi… io non sono certo figlia di grandi mangiatori di polpette purtroppo, ma in un mondo ideale le si proporrebbe anche a colazione, per me!
Mi sono sempre piaciute moltissimo e crescendo non è cambiato l’amore che provo per questi piccoli gioielli culinari. Da Polpetteria Norma troviamo 3 categorie principali: quelle di carne rossa, quelle di magro e quelle di pesce. A queste si aggiunge poi una lista di dolci breve ma veramente ben fatta.
Non potevo non assaggiare quelle di vitello con salsa tonnata… e non potevo non assaggiare quelle di pesce… e non potevo non assaggiare quelle con sugo… ok, insomma, le ho passate a rassegna praticamente tutte, ad eccezione delle polpette con melanzane alle quali sono tristemente allergica (che però mi dicono essere deliziose). Ma quello che mi ha fatto innamorare è stato lo spaghettone alla Lilli e il Vagabondo: le polpette con gli spaghetti sono la fine del mondo e i loro sono ricchi di sugo corposo che ti costringe a fare scarpetta alla fine. Non si può proprio non fare altrimenti.
Cosa vi consiglio di mangiare: scegliere è difficile, perciò meglio non farlo. Con la loro formula di degustazione avrete una selezione di 3 polpette per tipo!
Cosa vi consiglio di bere: una deliziosa, fresca e rigenerante Baladin stout aromatizzata con pepe.
Dove vi consiglio di parcheggiare: ci troviamo proprio di fronte alla facoltà di Giornalismo e vicino a stradoni in cui non sarà difficile lasciare la macchina.

polpetterianorma - onthetable UBERTI

nfd

cof

  • Poormanger via Maria Vittoria, 36/B e via Palazzo di Città, 26/B (TO)

Estimatori delle patate, unitevi! Avete trovato un posto dedicato proprio a voi! Buone, morbidissime e soprattutto super ripiene, da Poormanger le patate sono il piatto principale e vengono arricchite con gli ingredienti più svariati. Non ci sono solo quelle che trovate in carta ma anche quelle in limited edition della settimana e quelle del mese. Io ne ho provata una con salmone marinato da leccarsi i baffi.
Tra le due location, quella più romantica è sicuramente quella nuova che si trova in via Palazzo di Città, il luogo ideale dove fermarsi all’ombra ristoratrice dei portici dopo una passeggiata nelle vie storiche di Torino oppure un giro in bicicletta, proprio come ho fatto io. Il nome azzeccatissimo parla di cucina povera ma vi assicuro che i sapori che troverete qui, sono tutt’altro che poveri!
Cosa vi consiglio di mangiare: non parliamo di patate qui, perché quelle è impossibile che non attirino qualcuno già di per sé. Vi consiglio allora di mangiare senza dubbio la crumble con pesche a fine pasto. Ah se solo potessi averne una fetta ora…
Cosa vi consiglio di bere: le birre artigianali che spillano al momento, che domande!
Dove vi consiglio di parcheggiare: per quanto riguarda via Maria Vittoria, come vi dicevo prima non c’è problema di trovare un buco per la macchina. Per quanto riguarda Palazzo di Città, invece, potrete trovarne di numerosi al di fuori della zona storica, ma il mio suggerimento rimane quello di godervi due passi, perché le emozioni che vi restituirà questa esperienza sono davvero impagabili!

cof

nfd

poormanger - torta UBERTI

Vi lascio qui il foglio di viaggio ” in PDF, scaricatelo e portatelo con voi se andate a Torino!
Ci vediamo prestissimo, ma dove non lo so… 😉

12

Testo a cura di Micol Uberti
Fotografia portrait a cura di Franca Bergamaschi
Food photography & fotografia d’ambiente a cura di Micol Uberti