Credo sia giunto il momento di ammetterlo una volta per tutte: i fiori, anche quelli più semplici, rendono migliore ogni cosa.
E se da una parte si fa sempre più presente la moda di decorare i piatti con mammole e peonie (moda che peraltro io adoro), è giusto ricordare che anche realizzarli con pasta di zucchero è davvero semplice.
Così, questa volta, sono sbocciate delle piccole rose nere sui miei muffin ai mirtilli. Vi prometto fin da ora che ogni singolo passaggio sarà di una facilità imbarazzante!

E allora coraggio, è ora di far fiorire la vostra fantasia!
Il secondo appuntamento con #ilBelloDelCiboSecondoMicol mira proprio a questo. Creiamo insieme un dessert goloso, con frosting spatolato e rose di zucchero!

Tanto per cominciare, dovete sapere che nonostante il nome altisonante possa far pensare a un dolce elaborato, ci troviamo di fronte a dei muffin molto leggeri, perché privi di latte, burro e uova.
Come prepararne una dozzina?

Semplice: unite 250 ml di nettare di mirtillo a 30 g di olio di semi. Versate questo mix in una ciotola in cui avrete setacciato 250 g di farina di tipo 00, 1 bustina di lievito per dolci, 130 g di zucchero, mezza bustina di vanillina e mescolate tutto accuratamente. Suddividete l’impasto ottenuto negli stampini, aggiungete 3 mirtilli ciascuno e cuocete in forno preriscaldato, statico, a 180° per circa mezz’ora (ma controllate dopo 20 minuti con lo stecchino).
Per preparare il frosting, invece, è sufficiente montare a neve fermissima 200 ml di panna liquida con 250 g di mascarpone (fatelo unendo i due ingredienti da subito, risparmiate tempo, si mischiano meglio e il risultato è perfetto!), aggiungendo 4 cucchiai di zucchero a velo quando comincia a prendere forma il frosting.
Le rose di pasta di zucchero le otterrete poi sagomando delle piccole palline di pasta da zucchero, appiattendole accuratamente ed arrotolandole su loro stesse. Se volete dare un tocco più realistico ai “petali”, eseguite qualche taglietto sul loro bordo, di tanto in tanto!
Consiglio dato dall’esperienza: una volta preparate, fatele riposare una mezz’oretta in frigorifero, così che si rassodino. Lavorare la pasta di zucchero con le dita la scalda molto e la rende più flessibile.

Dal momento che questa ricetta è e vuole rimanere una ricetta di semplice realizzazione, non ho neppure pensato ad utilizzare la sac à poche per stendere il frosting sui muffin… e poi a volte trovo sia più appagante, alla vista, un’estetica che sia un po’ più spartana in alcuni dettagli!
E così ho pensato di spatolare frettolosamente (ma non troppo, chiaramente) la crema sulla superficie dei dolcetti, dando sempre una forma “a montagnetta” e senza lesinare sulle quantità.
Se ve ne avanza un po’, potete sempre servirla in coppetta con delle pesche a pezzi! Che delizia…
Tornando ai nostri muffin, l’ultimo step per decorarli è incastonare le rose (io ne ho messa una ciascuno) nel frosting. Sbizzarritevi e seguite il vostro cuore! Vi piacciono di più come “ciliegina sulla torta”, perfettamente centrate, oppure leggermente spostate di lato? Io, nel dubbio, ne ho messe un po’ in un modo ed un po’ nell’altro!

E’ giunto ora il momento di scattare la vostra fotografia, pronta per ricevere un sacco di like su Instagram.
Vi propongo due alternative, molto furbe.
Se siete alle prime armi, può essere che le roselline non siano venute perfettamente come avreste voluto, oppure il frosting è un pochino meno sodo del previsto… niente panico, sia l’una sia l’altra sono cose ugualmente commestibili, si tratta solo di dissimulare il misfatto in fotografia… e allora puntate sull’abbondanza che fa sempre gola!
Riponete nuovamente i vostri muffin decorati all’interno degli stampini, così che siano ordinati e disposti tra loro alla stessa distanza e… clic!
Scattate la fotografia con il vostro smartphone dall’alto, avendo cura di regolare la luminosità senza troppa fatica. Che ne pensate?
Sono certa che i vostri amici allungherebbero volentieri la mano per rubarvene uno all’istante!

Se invece siete proprio orgogliosi del vostro dolce e volete mostrare a tutti (e fate bene direi!) quanto siete stati bravi a curare ogni minimo dettaglio, l’angolazione che più renderà giustizia al vostro muffin è con l’obiettivo della fotocamera a 30 gradi rispetto al soggetto.
Prendete solo un paio di muffin e fotografateli con zoom 2x seguendo il consiglio appena descritto. Fate attenzione ad essere molto fermi, magari appoggiate i polsi allo schienale di una sedia! Et… voilà!
Una foto degna di far venire l’acquolina in bocca!

Vi lascio alla gallery (le foto che seguono sono state realizzate con la reflex) per ispirarvi un pochino… non esitate a scrivermi se volete suggerimenti o pareri!


Testo, ricetta, styling e fotografia
a cura di Micol Uberti

.

One thought on “Muffin in fiore

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.