All posts tagged: franciacorta

Knot, knot, knot!

Che giornate strane che ci sta regalando, questo maggio indeciso… Ieri c’era il solleone, caldissimo e scottante (il mio naso e le spalle di Daniele ne sanno qualcosa). Oggi grigio, freddino e che promette pioggia. Non potete capire il dramma che vivo ogni volta che devo spostare da Milano alla Franciacorta e mi porto dietro tutti i capi che ho scelto, ma devo sempre anche pianificare un’alternativa nel caso in cui dovesse piovere. Stavolta, però, sono stata più furba io del meteo e ho deciso di prendere in mano la situazione, vestendomi in un modo che si adatta perfettamente a qualsiasi capriccio del cielo. Un trench leggero, un pantalone in cotone con ispirazione sportiva, un paio di sneakers (ovviamente le mie inseparabili 2Star, intendo) e una maglietta che amo, trovata il mese scorso presso lo store Kiabi de Il Centro di Arese: leggera come una piuma, color latte, con dettagli macramè su spalle e schiena e un nodo sul pancino che fa tanto gitarella in barca. Del resto siamo al lago, no? Testo a cura …

Coccole di San Valentino

Tutti ne parlano, alcuni lo amano, altri lo odiano, io me lo mangio: San Valentino, in ogni caso, non passa di certo inosservato! Anzi, in un certo senso si potrebbe anche dire che colpisce senza dubbio allo stomaco. Soprattutto se si cena da Cappuccini Resort, dove lo chef PierCarlo Zanotti ha ideato un menù di tutto rispetto dove sapori delicati e dolci si alternano ad altri più decisi e d’impatto, perché l’amore in fondo è un po’ così: ti coccola e ti colpisce. Trovate il menù completo QUI! Fotografie a cura di Micol Uberti

Aglio e Oglio: alla scoperta della cottura sottovuoto.

Al vapore, al forno, arrosto, fritto… il cibo può essere cotto in tanti modi ma quello che mi ha stupito di più è sicuramente il metodo sottovuoto. Lo ammetto, non ne avevo neppure mai sentito parlare, ma questa è proprio una delle ragioni per cui amo il mio lavoro: scopro sempre cose nuove, ho la possibilità di ascoltare le persone raccontarmi “favole” meravigliose, mi perdo nelle loro storie e posso sfogare la mia ingombrante fantasia. Questa volta è successo che chef Attilio, del ristorante Aglio e Oglio di Boario Terme, mi ha accompagnato a conoscere i suoi piatti e la sua cucina, il cui fulcro è appunto determinato da un metodo di cottura alternativo, che consente alle materie prime di conservare tutti i loro elementi, soprattutto nel caso di carni e pesce, che in questa sacca in cui vengono riposti prima di venire cotti mantengono intatti i preziosi succhi che contengono. Il menù di degustazione che ha pensato per me mi ha convinta che la loro carta è davvero ricca di proposte deliziose! Dal nome …

Aspettando il 2017… in cucina, con Berlucchi

L’allegria del colore vivace di una zucca dalla polpa profumatissima, la voglia di creare una ricetta diversa dal solito e soprattutto di sperimentare nuovi sapori da accostare con il re della mia tavola di domani, 1 gennaio 2017: una bottiglia di Berlucchi Cuvée Imperiale. La zucca diventa una morbida crema che abbraccia i cavatappi (mi sembra giusto utilizzare questo formato di pasta, in questo periodo dell’anno!), accoglie i fagioli cannellini e gli straccetti di petto di pollo agli aromi. Il sapore è delicato ma sofisticato, al palato si apre un ventaglio di sentori che passano dal dolce erbaceo della vellutata e poi lasciano spazio alla sapidità della carne, fatta saltare in padella con anelli di cipolla dorata appena tagliati, che sprigionano così tutto il loro succo nell’olio bollente. E’ una festa: una festa per gli occhi e per la bocca. Il vino franciacortino sveglia le papille gustative con il suo perlage persistente e apre il palato preparandolo alla percezione del sapore del piatto. Ovattato, fresco e inconfondibile, il Berlucchi Cuvée Imperiale è la proposta più …

BUON COMPLEANNO, MICOL!

Ecco a voi tutti i regali che ho ricevuto e il mio invito per partecipare a un contest Berlucchi pazzesco Caro blog, ci siamo “visti” sulle tue pagine quando ancora avevo 26 anni… …ed ora invece se n’è aggiunto uno in più. E’ stato un compleanno molto speciale, pieno di emozioni profonde sia nel bene sia nel male ed ho ricevuto una marea di auguri da persone fantastiche insieme alla fortuna di capire chi davvero è una certezza nella mia vita. Regali? Certo che ne ho ricevuti! Alcuni rimangono una coccola molto personale perché li ho ricevuti da famiglia e amici, mentre altri ancora sono dei doni che ho ricevuto dai brand con cui collaboro ed ho deciso che non potevo non mostrarveli… così questa mattina mi sono messa all’opera e li ho fotografati tutti, per raccontarvi quanto pieno di gioia e stupore sia stato il mio ventesettesimo compleanno ieri! Elegante, semplice e luminoso: il bouquet realizzato da Sabrina di Gennaro di La Vie En Rose è stato una vera sorpresa, il primo mazzo di …

Fiabe al Cucchiaio: il bossolà di PierCarlo

Da qualche mese, ormai lo sapete, ho la fortuna di ricoprire il ruolo di Social Media Manager & Digital PR per il resort Cappuccini, nel cuore della Franciacorta. Se non lo conoscete, seguite il nostro profilo Instagram @cappuccini_resort! Da oggi, nasce il nuovo progetto Fiabe al Cucchiaio, una rubrica in cui lo chef dell’hotel racconta la storia che si cela dietro a molti dei piatti che propone nella sua carta. Ecco con quale, tra questi, abbiamo deciso di aprire le danze! Semplice e sorprendente, la classica acqua cheta che rompe i ponti. Non si potrebbe definire meglio il bossolà, dolce della tradizione bresciana che lo chef PierCarlo Zanotti propone in questo periodo. La forma originaria è una ciambella, da cui sembra derivi anche il nome la cui radice rimane tuttavia incerta e che si trasforma in bissolà se si scende nella Bassa bresciana per via della somiglianza ad una biscia. Chiamatelo come preferite, è solo un’etichetta: l’impasto consistente ed il sapore delicato metterà d’accordo tutti e incanterà i vostri palati! PierCarlo lo serve su un …

Millè e una notte: un oceano di bollicine dalla Franciacorta alla Thailandia

Convintissimi che un millesimato della Franciacorta possa essere gustato solo con un dolce al cucchiaio? Parliamone! La sperimentazione, in cucina, credo che sia un aspetto fondamentale per riuscire a superare i limiti imposti dalle tradizioni culturali in tavola, in ogni caso si scopre qualcosa di nuovo: può capitare che “ci si allontani troppo” e venga voglia di tornare alle proprie origini, oppure ci si sorprende con accostamenti e sapori nuovi che riescono a estraniarci dal luogo in cui ci troviamo, accompagnandoci in viaggi incredibili con la mente, portandoci oltre oceano addirittura! Un po’ come è successo lunedì scorso in occasione dell’evento Millè thai night at Cocca Hotel. Sarnico, 19 settembre 2016 – La “scusa” per la quale mi trovo presso la bellissima struttura del Cocca Hotel con lamia amica Michela Muratori, proprietaria della cantina Tenuta Villa Crespia di Adro (BS), è quella di brindare all’inaugurazione della loro nuova piscina della thai spa. Una meravigliosa scusa, a dirla tutta, dal momento che ci troviamo sulla terrazza della struttura, con una vista mozzafiato sul lago d’Iseo ed un …